Kosovo, cambia il contigente italiano del RC-W: i siciliani del 24° “Peloritani” concludono la loro missione - Il Fatto Nisseno

Kosovo, cambia il contigente italiano del RC-W: i siciliani del 24° “Peloritani” concludono la loro missione

Redazione

Kosovo, cambia il contigente italiano del RC-W: i siciliani del 24° “Peloritani” concludono la loro missione

Condividi su:

Kosovo, cambia il contigente italiano del RC-W: i siciliani del 24° “Peloritani” concludono la loro missione

Si è svolta oggi presso la base di “Villaggio Italia” la cerimonia che ha visto il Colonnello Daniele Pisani cedere al pari grado Natale Gatti il comando del Regional Command West, l’unità multinazionale di KFOR che opera nella zona occidentale del Kosovo. Il cambio al vertice ha sancito anche l’avvicendamento tra il 24° reggimento artiglieria terrestre “Peloritani” di Messina e il 17° reggimento artiglieria controaerei “Sforzesca” di stanza a Sabaudia, in provincia di Latina. Alla cerimonia hanno presenziato l’Ambasciatore d’Italia in Kosovo Piero Cristoforo Sardi e il Generale di Divisione Michele Risi, Comandante della missione KFOR, oltre ad autorità religiose, civili e militari.

Nel suo discorso di commiato, il Comandante uscente ha ringraziato i settecento uomini e donne delle sette nazioni che compongono l’unità – Italia, Slovenia, Austria, Polonia, Svizzera, Turchia e Moldavia – per gli sforzi profusi e gli obiettivi raggiunti nel garantire sicurezza e stabilità, contribuendo al contempo allo sviluppo culturale, sociale ed economico della regione ovest del Kosovo e alla tutela del patrimonio storico-religioso, mediante la salvaguardia del monastero di Visoki-Decane, simbolo della religione cristiana ortodossa, dal 2004 dichiarato patrimonio dell’UNESCO del quale il RC-W è il primo responsabile.

Il Colonnello Pisani ha inoltre ringraziato i sindaci delle quindici municipalità comprese nell’area di operazioni del Comando per il rapporto di fiducia instaurato con KFOR, aggiungendo che “la collaborazione che dura da venti anni ha permesso la realizzazione di numerosi progetti a favore dell’istruzione e della sanità”.  Ripercorrendo i momenti salienti del suo mandato, ha poi citato la revisione del Regional Command West, che dallo scorso mese di agosto ha posto sotto un unico Comando tre unità di manovra e dodici team per il monitoraggio e il collegamento con la popolazione e gli enti locali.

Rivolgendosi al nuovo contingente, il Colonnello Gatti ha espresso “il proprio impegno nel promuovere la collaborazione tra le sette nazioni del Comando, nell’ottica di sviluppare una mentalità comune per assolvere la missione di KFOR, nel segno della professionalità e dell’imparzialità dimostrate nel sostenere la popolazione del Kosovo negli ultimi venti anni”.

Il Generale Risi, dopo aver consegnato la bandiera del Regional Command West al Colonnello Gatti, ha rimarcato “il ruolo guida dell’Italia nella missione internazionale della NATO e in particolare nella regione ovest, nella quale da vent’anni ininterrottamente il contingente italiano contribuisce alla stabilità dei Balcani Occidentali e allo sviluppo di un Kosovo sicuro e pacifico”.