“Solidarity for Heritage”. Il Sindaco Ruvolo guida la delegazione nissena in Bulgaria

1

CALTANISSETTA – Il volontariato e la solidarietà come patrimonio collettivo, con una particolare attenzione alle eredità culturali. E’ questo il campo d’azione del progetto “Solidarity for Heritage” a cui partecipa il Comune di Caltanissetta nell’ambito di un network di città europee per lo scambio di buone prassi in ambito sociale, turistico e di promozione del territorio.
Dal 6 al 9 marzo una delegazione nissena guidata dal sindaco, Giovanni Ruvolo e dall’assessore all’Innovazione, Giovanni Guarino, sarà a Strumyani in Bulgaria per il primo di sei meeting che coinvolgeranno le città della rete composta da Caltanissetta (Italia), Strumyani (Bulgaria), Agia (Grecia), Novo Mesto (Slovenia), Naxxar (Malta).
Il progetto finanziato dall’Unione Europea con la misura “Europe for Citizens” e realizzato in partnership con il Ceipes, mira a incentivare la cultura del volontariato soprattutto per le attività connesse alla conservazione delle eredità culturali e del patrimonio storico artistico dei territori.  Promuovere il volontariato locale e quello transnazionale, adottare procedure standard per il lavoro volontario, riconoscere il lavoro volontario come esperienza professionalizzante. Tra i principali obiettivi del progetto anche la creazione di un network duraturo tra le città europee coinvolte.
«La città di Caltanissetta opera sempre più in rete con altre realtà sia in ambito regionale che nazionale e transazionale» spiega il sindaco, Giovanni Ruvolo. «Questo lavoro di networking avviene già in diversi settori – prosegue il sindaco -. Con il Distretto “Valle dei Templi”, oppure, per lo sviluppo economico, con il protocollo d’intesa con la città d Cremona sul torrone, o ancora, con il partenariato per l’Agenda Urbana, il protocollo delle “Città della Passione” per il riconoscimento Unesco della Settimana Santa. Tutto ciò consente alla nostra città di essere inserita in un contesto di relazioni proficue e di uscire dall’isolamento».
«Per attrarre investimenti, realizzare percorsi turistici e soprattutto per ottenere finanziamenti europei – aggiunge l’assessore Guarino – la dimensione di rete e il network risultano fondamentali».
Il progetto “Solidarity for Heritage”, in particolare, prevede sei eventi internazionali attraverso i quali verrà sviluppata una proposta normativa, chiamata “Solidarity4Heritage Regulatory network”, per un codice etico per i volontari ed i lavoratori solidali e la realizzazione di un libro bianco alle Istituzioni europee.
«Il progetto – conclude il sindaco Ruvolo – sarà rivolto ai cittadini e soprattutto ai giovani. Esperienze come “Le vie dei Tesori”, la Rete Museale del Centro Sicilia, le Consulte, potranno essere valorizzate per la conservazione del patrimonio storico, culturale e paesaggistico del nostro territorio».
Il progetto prevede successivi step attraverso cui saranno coinvolti i cittadini, le Ong, altre Istituzioni e autorità locali, i giovani e le associazioni del Terzo Settore.

1 COMMENTO

Comments are closed.