Fake News: nuovo allarme, ‘corrono’ sul web più che la verità

0

Le menzogne, almeno sul web, si diffondono piu’ rapidamente e in modo piu’ capillare che la verita’: e’ quando dimostra un nuovo studio sulle ‘fake news‘ che spiega anche il perche’: oltre a diffondere un messaggio nuovo (anche se falso), parlano alla pancia degli individui.
Le ‘fake news‘ dunque portano con se’ un danno duplice: non solo veicolano messaggi falsi che possono influenzare il funzionamento delle democrazie, ma si trasmettono piu’ velocemente e in modo piu’ capillare.
Lo studio ha analizzato migliaia di ‘rumor’, veri e falsi, circa 126mila, che si sono diffusi a cascata su Twitter dal 2006 al 2017, ‘ritwittate’ da 3 milioni di persone. Ebbene le ‘fake news‘ verificate hanno raggiunto piu’ persone che la verita’: l’1% piu’ diffuso di questa montagna di bufale si e’ propagato tra le 1000 e le 100.000 persone, mentre la verita’ raramente ha raggiunto piu’ di 1000 individui. Il falso si e’ anche propagato piu’ velocemente della verita’. La ragione? Probabilmente il fatto che le ‘fake news‘ spesso veicolano un messaggio del tutto nuovo e ‘muovono’ la reazione emotiva dei destinatari.
Le 126.000 news erano state twittate da circa 3 milioni di persone piu’ di 4,5 milioni di volte: le notizie sono state classificate come vere o false utilizzando le informazioni di sei organizzazioni indipendenti di fact-checking. “La falsita’ si e’ propagata decisamente in modo piu’ profondo, piu’ veloce e piu’ ampio rispetto alle notizie vere in tutte le categorie di informazioni”, spiega Soroush Vosoughi, del Media Labal Massachusetts Institute of Technology (MIT), autore principale dello studio. E non basta: perche’ gli effetti sono apparsi piu’ pronunciati per le bufale politiche rispetto a quelle su terrorismo, disastri naturali, scienza, leggende metropolitane o informazioni finanziarie. “Ci siamo accordi che le ‘fake news‘ sono piu’ nuove delle notizie vere, il che fa pensare che la gente sia propensa a condividere le informazioni nuove”. E se ‘fake news‘ hanno ispirato la paura, il disgusto e la sorpresa, le notizie vere hanno amplificato la tristezza, la gioia o la fiducia.
Da notare infine che, contrariamente a quel che si crede, i robot web tools, gli strumenti che generano in maniera automatica i contenuti sul web, diffondono allo stesso ritmo tanto le notizie vere che quelle false. Il che vuol dire che le bufale ‘corrono’ piu’ rapidamente perche’ sono gli esseri umani a diffonderle.

Condividi