Caltanissetta, borse di studio regionali 2017-18: scadenza domanda, 15 aprile

0

La Regione Siciliana – Assessorato dell’istruzione e della Formazione Professionale – ha emanato il bando per l’assegnazione alle famiglie degli alunni della scuola primarie, secondaria di primo grado e secondaria di secondo grado, statale e paritaria, di borse di studio a sostegno delle spese sostenute per l’istruzione dei propri figli per l’anno scolastico 2017/2018. Ai fini della partecipazione i soggetti interessati dovranno prendere visione del bando.

Si evidenzia, comunque, quanto segue:

  • il termine per la presentazione delle istanze scade giorno 16 aprile 2018;
  • l’istanza dovrà essere presentata esclusivamente presso l’Istituzione scolastica frequentata dallo studente che provvederà a trasmetterla al Comune di residenza per gli alunni delle scuole primarie e secondarie di primo grado statali e paritarie ed al Libero Consorzio Comunale per gli alunni delle scuole secondarie di secondo grado statali e paritarie, previa verifica dei requisiti di ammissibilità;
  • la spesa effettivamente sostenuta non potrà essere inferiore ad € 51,64, e dovrà essere stata sostenuta unicamente nel periodo compreso tra il 1 settembre 2017 e il 16 aprile 2018.

Le spese ammissibili ai sensi dell’art. 5 del D.P.C.M. n° 106/2001 sono così di seguito descritte:

  1. Spese connesse alla frequenza della scuola: – somme a qualunque titolo versate alla scuola su deliberazione del Consiglio di Circolo o d’Istituto; – corsi per attività interne o esterne alla scuola, da questa promosse anche ai fini del riconoscimento dei crediti formativi; – rette versate per la frequenza di Convitti annessi ad Istituti statali, di Convitti gestiti direttamente o in convenzione dalla scuola o dall’Ente locale;
  2. Spese di trasporto sostenute per abbonamenti su mezzi pubblici, all’interno del Comune di residenza;
  3. Spese per i servizi di mensa a gestione diretta/indiretta erogati dagli Enti Locali o in esercizi interni alla scuola;
  4. Spese per sussidi scolastici;
  5. Spese sostenute per l’acquisto di sussidi o materiale didattico o strumentale. Sono escluse le spese sostenute per l’acquisto dei libri di testo obbligatori.

Al beneficio delle borse di studio possono accedere i genitori o gli altri soggetti che rappresentano il minore, ovvero lo stesso studente se maggiorenne, appartenenti a famiglie in possesso di un Indicatore della Situazione Economica Equivalente (I.S.E.E.) non superiore ad € 10.632,94, calcolato sulla base della dichiarazione dei redditi 2017, relativa al periodo di imposta 2016.

IMPORTANTE: l’attestazione I.S.E.E. valida è quella rilasciata dopo il 15 gennaio 2018. Si precisa che saranno prese in considerazione le attestazioni ISEE valide, ovvero, tutte quelle che non riporteranno alcuna “annotazione” (omissione/difformità), pena l’esclusione.

Qualora il dichiarante non sia in possesso della relativa attestazione I.S.E.E., dovrà inserire nella domanda di partecipazione, il numero di protocollo e la data di presentazione DSU; sarà cura degli Enti locali acquisire successivamente, tramite l’INPS, l’attestazione.

I soggetti interessati devono essere residenti nel territorio della Regione Siciliana che frequentano scuola primarie, secondaria di primo grado e secondaria di secondo grado, presenti sia nel territorio della Regione che nelle altre Regioni.

Ai fini della partecipazione, pena l’esclusione, i soggetti interessati dovranno produrre:

  • “Domanda di Borsa di Studio”, che dovrà essere redatta sul formulario allegato e dovrà essere compilata dal richiedente il beneficio in ogni sua parte corredando la stessa dei seguenti allegati:
    • fotocopia del documento di riconoscimento del soggetto richiedente, in corso di validità;
    • fotocopia del codice fiscale.

Il Bando in oggetto ed il suo allegato potranno essere scaricati dal sito della Regione Siciliana nelle news della pagina del Dipartimento Regionale Istruzione e Formazione Professionale e dal sito www.provincia.caltanissetta.it nella relativa area tematica o potranno essere ritirati presso gli uffici del 6° Settore – Servizi Sociali, Culturali e Sviluppo Economico, siti in Via De Nicola.