Leandro Janni, politiche 2018: “Noi speriamo che se la cavi”

0

CALTANISSETTA – RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO. Il rilucente Silvio Berlusconi della prima ora (1994: “L’Italia è il paese che amo …”) ha fatto scuola: da un lato i 5Stelle che hanno realizzato il perfetto “partito azienda”, parodia dell’autentica democrazia; dall’altro il PdR (il partito di Renzi) che, in ossequio ad un neoliberismo estremo fatto di illusioni e di merci, ha inesorabilmente aumentato le disuguaglianze e con esse l’ignoranza di tanti e l’arroganza di pochi.

Le imminenti elezioni politiche, sotto il segno di una legge elettorale tanto meschina quanto inutile, evidenziano soltanto la paura – da parte di (quasi) tutti i soggetti politici – di perdere potere. Insomma: nessuno vincerà le prossime elezioni del 4 marzo 2018 ma, ciò che più conta (per loro), nessuno le perderà.

Ecco: un paese, uno Stato che ha rinunciato alla democrazia. Ecco un paese, uno Stato che ha rinunciato alla libertà. Ecco un paese, uno Stato che ha rinunciato al futuro. E infatti i giovani (che sono sempre la parte più sveglia e sensibile di un paese) detestano questo scriteriato gioco della politica italica e fuggono all’estero. E comunque, ci sono ancora dei galantuomini, degli statisti, in Italia. Ad esempio il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Che altro dire? Noi speriamo che se la cavi.

Leandro Janni

Condividi

Lascia un commento