Carlo Sorbetto: “Il pronto soccorso dell’ospedale Sant’Elia presenta ancora alcune criticità”

0

CALTANISSETTA – RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO. “Il nuovo pronto soccorso del Sant’Elia di Caltanissetta, inaugurato lo scorso 26 gennaio ed entrato in funzione il 30 gennaio, è una struttura di 1100 metri quadrati organizzata per accogliere ogni anno circa 30.000 pazienti. “In un momento in cui si parla di tagli – ha detto il Direttore Generale Carmelo Iacono- noi inauguriamo una struttura bella e funzionale, dove ci sono competenze, capacità, percorsi innovativi. Dotiamo questo territorio di una struttura in grado di dare risposte efficienti, ridurre i tempi di attesa in un momento in cui è particolarmente importante avere risposte in tempi rapidi”. Alla presentazione inaugurale c’era anche l’Assessore regionale alla Famiglia, al lavoro, Mariella Ippolito, che nel suo Intervento ha detto: “Io sono assessore anche al sociale – e vorrei che in questo nuovo Pronto Soccorso ci fosse “accoglienza ed umanizzazione” e si accettasse la sfida di creare percorsi specifici per anziani e disabili. Parlando con alcuni cittadini utenti del nuovo P.S. ho ritenuto sabato verificare sul posto alcune criticità descritte, al fine, di poter avviare una seria riflessione e contribuire nel mio piccolo a migliorare l’efficienza dei servizi offerti ai cittadini; mi sono così reso conto che: 1) non è facile trovare l’ingresso del P.S. (permane ancora la vecchia segnaletica); 2) nella sala del Triage spesso si creano momenti di confusione (barelle, pazienti e familiari che vanno e vengono, dalla radiologia o ai piani superiori); 3) la sala pazienti già visitati, in attesa di essere avviati nei reparti o dimessi, ha a mio giudizio criticità relativamente alla privacy; 4) l’ambulatorio dei codici bianchi potrebbe essere meglio collegato con le altre sale dei codici rosso, verde e giallo e con  lo stesso Triage, anche per evitare al paziente e ai familiari un aumento di un comprensibile stato d’ansia; 5) la postazione del medico responsabile dell’ambulatorio codici bianchi ritengo dovrebbe essere meglio protetta, ai fini di evitare le sempre più frequenti aggressioni; 6) permane nonostante il trasferimento nei nuovi locali la carenza di personale sanitario. Ho scritto queste mie considerazioni per contribuire a non vanificare mesi e mesi di lavoro fatto, sicuro da cittadino di fare sistema a rete.     

Carlo Sorbetto

Condividi