Caltanissetta, Palamilan: “salta” gara per impraticabilità del parquet, ennesima figuraccia del capoluogo

0

CALTANISSETTA – Oggi a Caltanissetta si è scritta una nuova pagina di tragicomica commedia che ha gettato nello sconforto lo sport cittadino e lasciato basiti gli spettatori che affollavano il glorioso Palamilan. In programma alle ore 16 il derby del girone B di serie C2 di Futsal tra Pro Nissa e Vigor San Cataldo: match di grande valore (articolo di presentazione) che metteva di fronte due quintetti di ottimo livello che aspirano al salto di categoria. La partita è stata rinviata per impraticabilità di campo: sì, avete letto bene… in un palazzetto dello sport non si è giocato a calcio a 5 per impraticabilità del parquet, umido e scivoloso. Sono in corso verifiche per vedere se esistano precedenti di tal genere in Italia o Europa.

Secondo le prime sommarie ricostruzioni operate sulla base della voci filtrate nel dopogara, il parquet è stato trasformato in un pericoloso ed infido fondo “melmoso” da alcune presunte infiltrazioni di acqua e dalla pulitura dello stesso avvenuto dopo le 12; questo perchè nel corso della mattinata chi aveva in uso la struttura ha dato vita ad una festa che ha sporcato la palestra per cui si è reso necessario il lavaggio del pavimento che sembrerebbe non sia stato effettuato con le dovute modalità. Quando il direttore di gara, Riccardo Guagenti di Caltanissetta, ha fischiato l’inizio della gara: in meno di 120 secondi ben tre atleti sono finiti rovinosamente per terra. Nel riscaldamento un giovane giocatore sancataldese, durante l’ennesimo scivolone, aveva riportato la slogatura del polso. Per la cronaca da segnalare che oltre il 30% dei fari al soffitto era fuori uso, per cui anche la visibilità era notevolmente “ridotta”.

Miscela “esplosiva” quella determinata dalla gestione approssimativa delle strutture, senza controllo e con manutenzione praticamente assente che finisce per mortificare l’impegno dei dirigenti e delle società, come la Pro Nissa con riferimento al futsal, che invece tentano di tenere vivo lo sport a Caltanissetta.

Sgomenti anche i dirigenti, giocatori e tifosi della Vigor San Cataldo, increduli su ciò che stava accadendo. Caltanissetta, come purtroppo spesso accade ultimamente, sale alla ribalta della cronaca in maniera farsesca e negativa. Sarebbe bello, per una volta, scoprire i responsabili ed invece, come sempre, finirà a “tarallucci e vino” ma, con la dignità sotto i piedi.

Condividi

Lascia un commento