Caltanissetta , Oscar Aiello (FI): “posteggio ex-Gil, Amministrazione sorda alle mie denunce”

2

CALTANISSETTA – Nonostante le ripetute denunce del Consigliere Comunale d’Opposizione, Oscar Aiello, che da anni prova a rendersi utile per venire incontro alle esigenze di pendolari e viaggiatori vari, la situazione all’interno dell’area “ex Gil” adibita a stazione degli autobus extraurbani rimane sempre la stessa: impossibilità di usufruire di bagni pubblici che, nonostante siano presenti, vengono regolarmente tenuti chiusi; assenza di tettoie, di qualsiasi copertura e/o protezione dalle intemperie dove le persone possano aspettare gli autobus al riparo da pioggia e vento; scarsa illuminazione, che nelle ore tardo pomeridiane, serali e di prima mattina rende la frequentata area (anche da ragazzini, donne ed anziani) poco sicura.

“Ho presentato diversi atti formali tra Interrogazioni, Richieste di convocazione di tavolo tecnico, Diffida ad adempiere – dichiara Oscar Aiello – ho anche incontrato degli Assessori e nonostante tutti sappiano, nulla ha ancora fatto l’Amministrazione Comunale per risolvere il problema. Nel frattempo – aggiunge Aiello – chi viaggia in autobus è costretto a fare i bisogni per strada (come se fossimo nella giungla), in caso di pioggia la gente non sa dove ripararsi ed inoltre l’area è pericolosa a causa della scarsa illuminazione. E’ una vergognosa situazione – conclude il Presidente della IV Commissione – che incide direttamente sulle persone e indirettamente sull’immagine di Caltanissetta, unica Città d’Europa con una frequentata stazione degli autobus senza bagni ed in condizioni pietose”.

Ritenendo opportuno intervenire immediatamente per eliminare i noti disservizi all’interno dell’area “ex Gil”, il Consigliere Oscar Aiello ha presentato al Sindaco un’Interrogazione per sapere: Quali sono i provvedimenti adottati alla data odierna per tentare di risolvere l’annosa e nota problematica; Quando e come sarà possibile avere dei bagni pubblici fruibili, delle idonee strutture dove poter aspettare gli autobus ed un’adeguata illuminazione dell’intera area.

Condividi

2 Commenti

  1. In effetti è un posto da terzo mondo! Lo notano anche i turisti che vengono dal Nord Italia e dal resto dell’Europa nonché – mi è capitato – dall’America e dall’Australia!

Lascia un commento