Volley femminile, Prima Divisione: conferma Albaverde

0

Continua la striscia positiva dell’Albaverde nel girone B del campionato territoriale di 1^ categoria con la quarta vittoria consecutiva, la conferma della regola del 3 a 0 casalingo e della vetta della classifica (anche se le inseguitrici non mollano).

La scorsa domenica è stata la formazione del Polisport Caltagirone a subire la supremazia della squadra nissena che non ha consentito alle avversarie di andare mai oltre i 19 punti a set.

Impostata la squadra sull’asse Carlotta Montagnino, Sofia Curto e Alessandra Erba (quest’ultima protagonista di una prova quasi perfetta anche al di là dei 17 punti finali) Fabrizio Montagnino ha fatto ruotare le altre dieci atlete a sua disposizione riuscendo a ritagliare uno spazio per tutte, compresi due piccoli spezzoni di gara per le under 16 Simona Cutaia e Isabella Fiandaca al loro esordio in 1^ divisione.

Il match ha vissuto di sporadici tentativi delle ospiti di cercare di reggere il ritmo delle padrone di casa con delle sortite nel I e III set che si sono ben presto esaurite alla prima pronta replica di Erba e compagne.

La chiave della gara è da ricercare nel servizio dell’Albaverde che, a parte una serie di alcuni evitabili errori, quando è andato a buon fine ha creato non poche difficoltà alla ricezione avversaria permettendo alle nissene di giocare una serie di free-ball che, grazie alla vena in fase di costruzione di una ispirata Carlotta Montagnino, hanno trovato più che buone finalizzazioni certificate dalle percentuali positive di attacchi.

Questo il dettaglio della gara di domenica scorsa:

ALBAVERDE CL – POLISPORT CALTAGIRONE 3 -0  (25/13; 25/19; 25/16)

Albaverde: Montagnino A. 3, Montagnino C. 5, Raimondi 5, Morelli 1, Cigna 3, Nicosia Ag. 4, Morgana,  Fiandaca, Curto 11, Cutaia, Erba (K) 17, Nicosia Al. (L1), Montagnino E. (L2) All. Montagnino F.

Caltagirone: Sgarlata (K), Napolitano, Regalbuto R. e G., Cardona, Perniciaro, Azzaro, Vona, Massari, Liberto, Gurgone (L). All. Sciuto

Arbitro: Michele Martorana (Caltanissetta).

Condividi