Caltanissetta notizie, cronaca, attualità - Il Fatto Nisseno

Femminicidio: Cara Mineo, marito incastrato da figli e pezzo carta

CATANIA – La polizia ha dunque risolto in poco tempo l’ennesimo caso di femminicidio commesso la sera del primo gennaio in un alloggio del Cara di Mineo. Il marito della vittima, la nigeriana 26enne Miracle, Bill Francis, 30 anni, del Mali, sottoposto a fermo, ha negato di essere stato nella struttura per richiedenti asilo, ma e’ stato incastrato, oltre che dalle dichiarazioni dei figli, da un pezzo di carta in cui vi erano scritti i nomi della moglie e dei due figli che li indicavano residenti nel centro. Il fermo, scattato ieri sera, con l’accusa di omicidio volontario e le aggravanti di avere agito per motivi abbietti o futili e con crudelta’, e’ stato emesso dalla procura di Caltagirone ed eseguito da agenti della Squadra mobile di Catania.
Accanto al corpo di Miracle Francis era stato trovato la sera di capodanno un coltello da cucina, con una lama di 13 centimetri che presentava tracce di sangue e con il quale e’ stata inferta una ferita da arma da taglio al collo. Le indagini hanno consentito di acquisire concordanti indizi di responsabilita’ a carico di un cittadino del Mali il quale, recatosi a trovare la moglie e i figli minori, di 8 e 6 anni, al culmine di una lite aveva colpito la donna, dandosi alla fuga. Mentre le ricerche si estendevano alla citta’ di Catania, erano state peraltro acquisite le dichiarazioni di alcuni stranieri dalle quali e’ emerso, cosi’ come avevano gia’ indicato i due figli minori, che la donna era nell’alloggio con il marito, il quale, al momento del ritrovamento del cadavere, si era gia’ allontanato. La Squadra mobile l’ha infine rintracciato nella zona del centro cittadino, nei pressi di un internet point dove l’uomo voleva incassare una somma di danaro per raggiungere il Nord Italia e poi l’estero.