Tanti auguri a Papa Francesco, compie 81 anni: torta “speciale” e messaggi da tutto il mondo

0

 Papa Francesco ha festeggiato questa mattina il suo 81esimo compleanno con i bambini, per lo più stranieri, assistiti dal dispensario Santa Marta, che si trova in Vaticano proprio accanto alla Domus S. Marta che ospita il Pontefice.

La torta è stata inviata dalla pasticceria Hedera della famiglia Ceravolo, con «la famosa crema del nonno Peppe, l’italianissima pera abate dell’Emilia e la cannella più profumata». Per l’occasione il patron di Hedera ha chiesto a un artista di strada apprezzato dal Pontefice, Mauro Pallotta in arte Maupal, un disegno, che rappresentasse le divisioni del mondo che solo Francesco è capace di sanare.

La torta, infatti, è decorata in superficie da un’immagine di Bergoglio che porta sulle spalle un mondo spaccato in due, ma ricucito e tenuto insieme da Francesco che invita tutti a superare le divisioni. Il Papa, inoltre, ha in mano una valigetta, come quella che porta di solito durante i viaggi internazionali, con su scritto «valores» e dalla quale fuoriesce la sciarpa della sua squadra del cuore, il San Lorenzo.

Papa Francesco compie 81 anni, e da tutto il mondo al pontefice giungono gli auguri di buon compleanno

“In questo giorno di festa la prego di accogliere i più sentiti auguri, degli italiani tutti e miei personali, per la felice ricorrenza del suo compleanno”  scrive il presidente della Repubblica Sergio Mattarella in un messaggio al Papa. “Conservo vivido nella memoria – scrive Mattarella – il lieto ricordo della sua visita al Quirinale del 10 giugno scorso. In tale occasione vostra Santità ha confermato al più alto livello che le relazioni tra la Santa sede e l’Italia sono uniche per intensità ed eccellenza e ha riconosciuto al nostro Paese l’impegno profuso nel trasformare le grandi sfide del nostro tempo in occasioni per una crescita più equa e in nuove opportunità di progresso sociale e culturale. Inoltre, visitando nel corso del 2017 diverse città d’Italia, vostra Santità ha riaffermato l’importanza di mettere al centro della politica la persona e la famiglia, sottolineando quanto sia importante per la tutela della loro dignità l’accesso al lavoro in condizioni di sicurezza e stabilità”.

A Papa Francesco è arrivato anche un regalo speciale: gli studenti dell’Ipseoa (Istituto professionale di stato per l’enogastronomia e l’ospitalità alberghiera) “Tor Carbone” di Roma, hanno donato idealmente al Pontefice un pranzo che hanno preparato e servito per chi è più fragile. Tutte le materie prime per preparare il pranzo sono state fornite dal CAR, mentre il pane servito a tavola è stato fornito dalla Acli di Roma grazie al progetto “Il Pane a chi serve 2.0”. Gli oltre 40 ospiti provenivano dal CAS di Via Porrino, dall’Isola Solidale, da Medicina Solidale e dalle parrocchie della zona. L’iniziativa è stata promossa dall’Ipseoa in collaborazione con la Diocesi di Roma – Settore Sud, il Centro Agroalimentare di Roma e con le Acli di Roma e provincia. “Un’iniziativa – spiega Monsignor Paolo Lojudice, vescovo ausiliare di Roma settore Sud – che ha un grande significato perché organizzata dai ragazzi e dalle ragazze dell’Ipseoa di Tor Carbone dimostrando una grande attenzione a chi è meno fortunato ed anche un affetto speciale nei confronti di un Papa che ci spinge sempre ad andare verso chi è meno fortunato e con i suoi insegnamenti ha ispirato l’organizzazione di questo momento. Un segno positivo che arriva dai più giovani che deve essere preso come esempio”.

Antonio Diella, presidente nazionale dell’Unitalsi (Unione nazionale italiana trasporto ammalati a Lourdes e santuari internazionali),  porge “i più devoti ed affettuosi auguri a Papa Francesco. Una vicinanza, la nostra, al Pontefice che vogliamo ribadire dalla Terra Santa dove ci troviamo in pellegrinaggio che abbiamo organizzato nonostante tutto quello che sta accadendo per dare un segno di speranza e di pace”.

Condividi

Lascia un commento