Sutera, ventesima edizione del Presepe Vivente: è anche il più…ecologico d’Italia

0

SUTERA – Da qualche tempo il Presepe Vivente di Sutera si fregia del riconoscimento di “presepe vivente più ecologico di Italia” e anche questa ventesima edizione che ci si appresta a realizzare sarà una manifestazione “rifiuti free” a conferma delle buone pratiche che questo splendido borgo dell’entroterra siciliano attua nell’ottica di una efficace tutela ambientale.

L’iniziativa si rinnoverà grazie alla collaborazione dello stesso Comune di Sutera, con l’Associazione Kamicos e la Uno@Uno Differenziata.

Ma quest’anno il presepe di Sutera oltre alla tutela ambientale vuole sensibilizzare, soprattutto i più piccoli, ai principi della  sana alimentazione e della valorizzazione dei prodotti di eccellenza del territorio siciliano.

Nasce   così – grazie alla collaborazione con il  Distretto Produttivo Agrumi di Sicilia e il Consorzio di tutela Arancia Rossa di Sicilia – l’iniziativa che, dal 29 dicembre, data che tradizionalmente la uno@uno dedica ad “Una Stella nel Borgo”, darà la possibilità a grandi e piccoli visitatori del  presepe di sorseggiare salutari spremute di arance rosse siciliane.

Ogni anno sono oltre ventimila i visitatori, ma si tratta di numeri di in crescita, che percorrono il dedalo di viuzze dell’antico quartiere arabo  del “Rabato”, in uno scenario storico e naturale incantevole tra cantori, figuranti e ricostruzioni di ambienti  in cui rivivere l’autentico spirito delle tradizioni natalizie siciliane. Attraverso la  ricostruzione di vecchie botteghe artigiane e riproposizione di antichi mestieri si sviluppa un percorso di saperi che si sposa a quello dei  sapori di piatti “poveri” della cucina siciliana con assaggi di “maccu”, ricotta, formaggi e vino.

Degustazioni che comportano l’utilizzo di  grandi quantità di piatti, bicchieri, posate di  plastica e tovaglioli che  i visitatori potranno conferire negli appositi contenitori  per la differenziata disposti lungo il tragitto.

Il  presepe vivente di Sutera è visitabile dalle 17 alle 21 nelle giornate del 25, 26, 29 e 30 dicembre 2017 e del 4,5,6 e 7 gennaio 2018.