San Cataldo. La Giunta ha definito le somme non soggette ad esecuzione forzata per il primo semestre 2018.

0

SAN CATALDO. L’amministrazione comunale ha approvato la delibera con la quale ha stabilito quelle che dovranno essere le somme non soggette ad esecuzione forzata per il primo semestre 2018. Si tratta di un passaggio tecnico con il quale la Giunta tende a tutelare i servizi fondamentali dell’ente comunale evitando che i fondi destinati a questi servizi possano essere oggetto di esecuzione forzata da parte di terzi. Per legge non sono soggette ad esecuzione forzata, a pena di nullità rilevabile anche d’ufficio dal Giudice le somme destinate a:  pagamenti delle retribuzioni del personale dipendente e dei conseguenti oneri previdenziali,  espletamento dei servizi locali indispensabili. La non assoggettabilità ad esecuzione forzata riguarda servizi indispensabili dei comuni come quelli: connessi agli organi istituzionali, di Amministrazione Generale compreso Ufficio Elettorale, di Anagrafe e di Stato e civile, connessi all’Ufficio Tecnico Comunale, di Polizia Amministrativa e Locale, di Protezione Civile, di Pronto Intervento e di tutela della Sicurezza Pubblica, di Istruzione primaria e Secondaria, Necroscopici e Cimiteriali, di viabilità e illuminazione Pubblica. Sono inoltre impignorabili le somme destinate al funzionamento del servizio igiene ambientale integrato, in quanto preposto alla salute pubblica. La somma che è stata quantificata per il secondo semestre 2017 come impignorabile è di complessivi 4.903.701,93 euro.