Influenza: in arrivo l’ondata del virus

0

In anticipo di circa 3-4 settimane rispetto agli anni passati, il tipico virus influenzale invernale è già arrivato in Italia e ha già mietuto quasi 500.000 vittime. Secondo la Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie il picco massimo ci sarà dopo Capodanno, giusto per rovinare le feste agli italiani.
L’influenza di quest’anno
Il virus influenzale che è arrivato in Italia sembra essere meno aggressivo rispetto a quello dello scorso anno, ma le previsioni parlano di una maggiore quantità di persone che saranno infettate. Prima che l’influenza colpisca è importante vaccinarsi, per evitare soprattutto le forme più gravi del virus. Questo consiglio è valido per tutti, ma soprattutto per le persone a rischio, quindi bambini piccoli, anziani o persone affette da malattie gravi o croniche. Il vaccino si può acquistare liberamente in farmacia, o anche richiedere al proprio medico di base, che ci indicherà i modi e i metodi della somministrazione. Stiamo parlando di un vaccino sicuro, che evita di contrarre il virus, che quest’anno causerà i classici sintomi influenzali, tra cui raffreddore, anso chiuso, febbre anche elevata. Non stiamo parlando di una malattia invalidante e in genere i sintomi perdurano per circa 3-5 giorni. Si deve comunque ricordare che ogni anno si verificano numerosi casi di decenni per malattia influenzale, quindi è consigliabile evitare di scherzare con questa malattia, soprattutto quando si tratta di alcune categorie di persone.
Come curare l’influenza
L’influenza è una malattia causata da un virus, contro il quale non è consigliabile prendere provvedimenti diretti. Gli antibiotici non hanno alcun effetto contro il virus, a meno di non avere in atto anche attacchi da parte di batteri, cosa che solo il medico ci può indicare. Se i sintomi sono quelli classici è possibile cercare di attutirli con dei farmaci antipiretici e anticongenstionanti nasali, che permettono di diminuire i fastidi causati dall’influenza. Per il resto è bene chiudersi a casa e riposare, per fare in modo di rimettersi in piedi nel minor tempo possibile. Se i sintomi risultano particolarmente gravi, o perdurano a lungo (più di una settimana) è necessario contattare subito il medico di base, che si occuperà di verificare la gravità della situazione e di prescrivere eventuali cure o ulteriori indagini, anche tramite esami clinici. In situazioni di questo genere meglio evitare il fai da te.
Cosa fare quando si è a casa
Sono tantissime le persone che, almeno una volta nella vita, sono state colpite dall’influenza. Dopo un paio di giorni di sonnolenza e febbre, ce ne sono ulteriori 2-3 di stanchezza, dolore alle ossa, testa pesante. In questa situazione è consigliabile evitare comunque il lavoro e rimanere a casa. I passatempi da svolgere sono moltissimi, anche se spesso è impossibile, o difficoltoso, leggere o concentrarsi. Allora via libera al divertimento: si può guardare la Tv, giocare con vari giochi online come il casino unibet, oppure si può trascorrere del tempo al telefono con gli amici lontani. L’influenza è una malattia infettiva, conviene quindi evitare di frequentare luoghi affollati, come ad esempio cinema o stazioni ferroviarie.

Condividi

Lascia un commento