Il Questore Giovanni Signer, consuntivo 2017: “Incisiva la nostra azione, Caltanissetta sicura ma senza decoro. Il ‘peso’ dell’immigrazione”

1

CALTANISSETTA – Immigrazione, incisiva presenza in provincia e nel capoluogo, con particolare attenzione rivolta al Centro Storico: questi i tre punti cardine della conferenza di fine anno del questore Giovanni Signer che ha rivisitato le cifre ed i dati delle operazioni e dell’attività degli agenti della questura nissena. Il tutto condito dalla speranza della promessa del capo della Polizia, Franco Gabrielli, di aumentare il personale nel 2018 nel territorio nisseno.

Sintetizzare l’intero lavoro svolto dalla polizia in provincia, offre lo spunto per una serie di riflessioni che il questore ha offerto ai giornalisti presenti. Il primo legato al “peso” dell’immigrazione che occupa un terzo dei servizi della questura per esigenze di ordine pubblico del Cpr di Pian del Lago. Poi ha rivolto il suo sguardo alle efficaci operazioni che hanno interessato la provincia, con particolare riguardo a Gela, infine ha sottolineato l’attenzione rivolta al Centro Storico di Caltanissetta, città definita dal Questore sicura “ma priva di decoro”, con riferimento agli ultimi, numerosi atti di vandalismo che hanno però amplificato la percezione di insicurezza. Proprio sul “cuore” del capoluogo nisseno, Signer ha rimarcato: “Stiamo effettuando una mappatura del territorio. Noi controlliamo gli stranieri, la polizia locale accerta l’effettiva residenza nelle dimore e la GdF accerta dal punto di vista fiscale, emanando le relative contravvenzioni. Senza dimenticare la pressione che si esercita su chi spaccia stupefacenti“.

ATTIVITA’DI PREVENZIONE Servizi di ordine pubblico

Nel 2017 nella provincia di Caltanissetta, per rendere sicuro lo svolgimento di eventi (manifestazioni sportive, politiche, di protesta, religiose) e, in attuazione delle direttive del Prefetto, per garantire una maggiore sicurezza in quei contesti che avevano fatto rilevare situazioni critiche, il Questore ha disposto servizi di ordine e sicurezza pubblica con 787 ordinanze.

Di queste, 287 (cioè il 36,5%) sono state necessitate dalle esigenze del Centro per immigrati di Pian del Lago, per i servizi all’interno del Centro e per quelli degli accompagnamenti alla frontiera degli extracomunitari da espellere.

I servizi di ordine pubblico sono stati assicurati dall’impiego complessivo di 10.880 poliziotti, oltre ai militari delle altre Forze dell’ordine. Di detti poliziotti, 4.358 erano appartenenti della Questura e 6.522 dai rinforzi assegnati dal Dipartimento della P.S.

Tra i servizi che sono stati disposti si evidenziano quelli assicurati per le elezioni amministrative e Regionali, per le due le manifestazioni tenute presso il MUOS di Niscemi, che è stato interessato anche dall’appartato di sicurezza attivato in occasione del G8 di Taormina.

Controllo del territorio

Forte l’impulso al controllo del territorio, garantito a mezzo delle Volanti della Questura di Caltanissetta e dei Commissariati di Gela e Niscemi, e alle pattuglie di rinforzo assicurate dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza dei Nuclei Prevenzione Crimine di Palermo e Catania.

Servizi straordinari sono stati mirati per contrastare fenomeni illegali che avevano destata particolare allarme sociale, nel Capoluogo, a garanzia della sicurezza nel centro storico, e a Gela, ove lo scorso aprile si è reso necessario porre fine le risse della mala movida.

   

– 48.427 sono le chiamate pervenute alla linea di emergenza 113.

– 7.536 gli interventi delle Volanti di Caltanissetta, Gela e Niscemi, che hanno percorso nel controllo del territorio 460.921 chilometri.

– 48.834 le persone controllate.

– 65.562 i veicoli controllati.

Misure di prevenzione di competenza del Questore e attività di componimento bonario dei dissidi privati

–          44 avvisi orali;

–          16 fogli di via obbligatori emessi, con divieto di fare ritorno in località della provincia di Caltanissetta;

–          12 D.A.S.P.O. comminati in occasione di incontri di calcio (dei quali 7 a persone residenti nella provincia di Caltanissetta);

–          6 ammoniti per stalking e per maltrattamenti in famiglia (sono le 12 richieste di ammonimento pervenute).

70 sono gli esposti presentati al Questore per il componimento dei privati dissidi (12 a Caltanissetta, 50 a Gela, 8 a Niscemi).

DELITTUOSITA’

Nel corso del 2017 sono stati denunciati 2.877 delitti, dato che fa registrare un lieve calo rispetto all’anno precedente (-1%). Tra questi:

–          1.212 sono i furti denunciati (-12% rispetto al 2016);

–          27 le rapine (-5%);

–          13 le estorsioni (-40%);

–          33 le ricettazioni (-25%);

–          101 i danneggiamenti seguiti da incendio (19 a Caltanissetta, 56 a Gela e 26 a Niscemi), in aumento (+25%) rispetto al 2016 [è però da riferire che gli incendi di autovetture denunciati a tutte le forze di polizia a Gela nel 2017 sono stati 83, mentre nel 2016 se ne sono registrati 103];

–          187 le truffe e frodi informatiche, in aumento (+8%) rispetto al 2016.

ATTIVITÀ DI CONTRASTO

Arresti:

211 le persone arrestate, tra le quali si evidenziano:

-52 per associazione di tipo mafioso,

-32 per reati concerne gli stupefacenti,

-19 per furto,

-55 su provvedimento dell’A.G. per espiazione di pena

-54 per altri reati.

Denunce in stato di libertà (di reati individuati dalla Polizia di Stato o perché a questa denunciati da privati o enti):

754 le persone denunciate, tra le quali si evidenziano:

– 77 per furto,

– 60 per lesioni personali,

– 54 per minacce,

– 49 per reati concernenti gli stupefacenti,

– 28 per danneggiamento seguito da incendio,

– 25 per ricettazione,

– 461 per altri reati.

Criminalità straniera:

–          29 gli stranieri extracomunitari arrestati (tra cui 11 per reati concernenti gli stupefacenti)

–          213 gli stranieri denunciati (tra cui 21 per reati contro il patrimonio e 19 per reati concernenti gli stupefacenti).

Criminalità minorile:

–          33 i minori arrestati (tra cui 19 per reati contro il patrimonio, 8 per reati concernenti gli stupefacenti);

–          65 i minori denunciati a piede libero (tra cui 34 per reati contro il patrimonio, 14 per reati concernenti gli stupefacenti).

Attività di polizia giudiziaria

Le più importanti operazioni di polizia giudiziaria portate a termine dalla Squadra Mobile e dai Commissariati di Gela e Niscemi:

– 27 aprile,  operazione antidroga della Squadra Mobile a Mazzarino, con arresto in flagranza di 5 persone, responsabili  della coltivazione illegale di 10.000 piante di marijuana di detenzione di arma clandestina e furto di energia elettrica;

– 23 maggio, operazione Praesidium del Commissariato di Gela, coordinata dalla locale Procura, con l’arresto su ordinanza cautelare di 12 persone, responsabili di spaccio di sostanze stupefacenti, ricettazione, furti, rapine e danneggiamenti, fatti commessi a Gela;

– 20 giugno, operazione Polis della Squadra Mobile, coordinata dalla D.D.A. di Caltanissetta, con l’arresto 9 persone responsabile di associazione mafiosa scambio elettorale politico-mafioso, per fatti commessi a Niscemi e che hanno interessato la passata Amministrazione comunale di quel centro;

– 4 ottobre, operazione Extrafines, della Squadra Mobile e del Commissariato di Gela, coordinata dalla D.D.A. di Caltanissetta, con l’arresto di 37 persone responsabili di associazione mafiosa, intestazione fraudolenta ed altro, per fatti commessi a Gela e Roma;

– 6 ottobre, operazione Sant’Ippolito, del Commissariato di Gela, coordinata dalla Procura di Gela, con l’arresto di 7 persone responsabili di spaccio di sostanze stupefacenti, ricettazione e furti, commessi tutti a Gela;

– 9 novembre, operazione Ladri di biciclette, del Commissariato di Gela, coordinata dalla locale Procura, con l’arresto di 6 persone, responsabili di furti in abitazione e rapina, commessi a Gela;

– 14 novembre, operazione Far West, del Commissariato di Gela e della Squadra Mobile, insieme all’Arma dei Carabinieri, coordinata dalla locale Procura, con l’arresto di 2 persone, responsabili di porto abusivo di armi clandestine ed esplosione di colpi di arma da fuoco;

– 13 dicembre, operazione Effetto domino, della Squadra Mobile, coordinata dalla Procura di Caltanissetta, con l’arresto di 4 persone, responsabili in concorso di rapina e porto abusivo di armi e munizionamento;

– 14 dicembre, fermo operato dalla Squadra Mobile  di 5 cittadini stranieri responsabili della devastazione e saccheggio del C.P.R. di Pian del Lago, per i fatti avvenuti lo scorso 8 dicembre.

Misura di prevenzione patrimoniali

La Divisione Polizia Anticrimine, insieme alla Guardia di Finanza, lo scorso 6 ottobre, su provvedimento dell’Autorità Giudiziaria,  ha proceduto alla confisca definitiva di beni per oltre 5 milioni di euro a Niscemi, ai sensi della normativa antimafia, nei confronti di Arcerito Giuseppe Amedeo (2 fabbricati, 15 terreni, 34 capannoni, un’autovettura e 3 mezzi agricoli).

POLIZIA AMMINISTRATIVA E DELL’IMMIGRAZIONE

La Divisione Polizia Amministrativa e Sociale ha:

–          eseguito 148 controlli su esercizi commerciali, sanzionandone 17,

–          emesso 3 provvedimenti di sospensione dell’attività di esercizi pubblici per motivi di ordine pubblico ex art.100 Tulps (1 a Caltanissetta e 2 a Gela),

–          ritirato a titolo cautelare 47 armi,

–          rottamato 160 armi,

–          rilasciato 2840 passaporti,

–          porto d’armi rilasciati (per uso caccia/sportivo) 705.

Al 27 dicembre 2017, gli stranieri extracomunitari anagraficamente residenti nella provincia di Caltanissetta sono 6.390 dei quali:

–          4.321 nel capoluogo,

–          702 a Gela,

–          188 a Niscemi

–          1.179 negli altri comuni della provincia.

Nel corso del 2017 l’Ufficio Immigrazione ha:

–          emesso 3.896 permessi di soggiorno,

–          notificato a 52 cittadini extracomunitari decreto di espulsione del Prefetto, perché trovati in posizione irregolare in provincia di Caltanissetta;

–          notificato a 7 cittadini comunitari decreto di allontanamento del Prefetto, perché  trovati in posizione irregolare nelle provincia di Caltanissetta;

–          rimpatriato 1.565 stranieri extracomunitari trattenuti al C.P.R. di Pian del Lago con accompagnamento alla frontiera.

COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE

La Polizia di Stato, attraverso il Portavoce, ha avviato iniziative volte a promuovere uno spirito di costruttiva collaborazione con i cittadini e gli studenti delle scuole, traducendo nei fatti il concetto di “Polizia di Prossimità”.

Numerosi gli incontri e le conferenze, oltre 50, che appartenenti della Polizia di Stato hanno tenuto, nel corso del 2017 nelle scuole e presso altri enti o sedi istituzionali, sia del capoluogo che della provincia, su diversi temi di educazione alla legalità e sui fenomeni della parità di genere, dispersione scolastica, consumo di alcol e droga, bullismo, cyberbullismo e uso consapevole delle rete internet.

ATTIVITÀ DELLA POLIZIA STRADALE

La Sezione Polizia Stradale con l’impiego di 1.919 pattuglie ha accertato 4.325 infrazioni al codice della strada, ritirato 218 patenti di guida e 193 carte di circolazione. Sono stati decurtati 7.038 punti dalle patenti di guida.

ATTIVITÀ DELLA POLIZIA POSTALE

La Sezione Polizia Postale e delle Comunicazioni ha condotto indagini su oltre 200 deleghe dell’A.G., denunciando in stato di libertà 32 persone (11 per truffe online e frodi informatiche, 11, per minacce, diffamazioni e ingiurie, 6 per illecito utilizzo di dati personali, 2 per adescamento di minorenne, 2 per accesso abusivo a sistema informatico).

ATTIVITÀ DELLA POLIZIA FERROVIARIA

Il Posto Polfer ha eseguito 199 servizi di scorta ai treni viaggiatori, 672 servizi di vigilanza presso lo scalo di giurisdizione, controllando 803 persone e 673 bagagli.

1 COMMENTO

  1. Grazie Dott. Signer, la nostra fortuna è che Lei è nisseno ed ama la città, ed infatti ha espresso un giudizio serio ed obbiettivo, IL CENTRO DELLA LA CITTÀ È COMPLETAMENTE PRIVO DI DEDORO!!
    Pensi che questo Sindaco fece del centro storico uno dei suoi cavalli di battaglia in campagna elettorale, doveva diventare il salotto della città, diceva, ed invece lo ha ridotto ad un INDECOROSO SGABUZZINO DEGRADATO!
    Grazie allora per il Suo impegno è quello dei suoi uomini per cercare di trasmettere sicurezza a chi come me ci vive e non chiude occhio sino a quando i figli non tornano a casa. Grazie di cuore e auguri per un 2018 ricco di successi e speriamo sempre a Caltanissetta!!

Comments are closed.