Siracusa, riciclaggio ed evasione: sigilli a gruppo leader rifiuti. Evasi oltre 15 milioni,11 indagati: un’azienda opera a Caltanissetta

0

La Guardia di Finanza ha eseguito un sequestro preventivo d’urgenza, disposto dalla Procura della Repubblica di Siracusa, riguardante numerosi conti correnti bancari, beni immobili e mobili e quote societarie riconducibili agli amministratori, ai prestanome di societa’ appartenenti al Gruppo “Quercioli Dessena”. Il sequestro e’ di oltre 2,5 milioni di euro a fronte di una evasione di oltre 15 milioni di euro.
Indagate 11 persone con l’accusa di sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte; truffa in danno dello Stato, ai danni del Comune di Augusta; bancarotta fraudolenta per distrazione e preferenziale; riciclaggio; responsabilita’ amministrativa degli Enti, a carico di una societa’ del Gruppo.

In particolare e stato scoperto, dalle Fiamme Gialle aretusee, che una societa del GRUPPO Quercioli Dessena, la So.Ge.Ma. s.r.l., nei primi anni 2000 aveva stipulato un contratto con il Comune di Augusta per la gestione del servizio rifiuti e che, nel 2007, tale servizio era stato prorogato a fronte di un corrispettivo di oltre 2.000.000,00 euro. Successivamente, la societa, fortemente indebitata nei confronti delli’Erario per oltre 15 milioni di Euro, veniva svuotata, lasciata in decozione e carica di debiti, mentre il ramo d’azienda, vivo e redditizio, veniva messo al riparo con il trasferimento in favore di un’altra societa, la Pastorino S.r.l., allo stato titolare di un contratto di appalto con il Comune di Augusta per raccolta dei rifiuti, oltre che operante nei Comuni di Modica, Melilli, Augusta, Caltanissetta, Priolo e Oristano.
Per ottenere il pagamento del credito maturato nel periodo di proroga, un noto professionista Siracusano, l’avvocato Giuseppe Cassone, ha depositato presso il Tribunale di Siracusa un ricorso per un decreto ingiuntivo, richiedendo al Giudice di intimare al Comune di Augusta di pagare, in favore della So.Ge.Ma. S.r.l., la somma di oltre 2.300.000,00 euro. L’ingiunzione al pagamento del dovuto e’ stata anche confermata con sentenza del T.A.R. di Catania a cui l’impresa aveva adito. Al fine di eludere il pagamentodei debiti nei confronti dell’Erario, la societa creditrice So.Ge.Ma. s.r.l. ha cambiato la propria denominazione, trasferiva il proprio ramo d’azienda alla Pastorino S.r.l., composta ed amministrata dalle stesse pesrone, mutava il proprio oggetto sociale, l’amministratore, la compagine sociale e la sede legale, diventando CASSIM. S.r.l. (con puntino), ovvero una societa immobiliare con sede in Siracusa.

Condividi

Lascia un commento