San Cataldo. Oggi alle 18,30 convocato in Municipio un tavolo tecnico per affrontare la vicenda del’arrivo di minori stranieri in Città.

0

SAN CATALDO. Oggi alle 18.30 è stato convocato un tavolo tecnico in Municipio, aperto ai Comitati di Quartiere ed alle Associazioni locali, per parlare dell’arrivo, sabato 4 novembre, di 31 minori stranieri non accompagnati nella struttura alberghiera hotel “Helios” di via Piave, adibita a centro di accoglienza “Michele Magone”, le cui attività vengono coordinate dalla società toscana “Esse Quadro”, che ha affittato i locali. In un comunicato diramato dal sindaco Giampiero Modaffari, viene spiegato come la riunione di oggi sia propedeutica alla individuazione condivisa delle istanze da inoltrare al Ministero dell’Interno e alle altre autorità competenti sul tema dell’accoglienza sostenibile nella Città di San Cataldo. L’obiettivo dell’incontro è quello di sottolineare come l’ospitalità ai migranti debba essere regolata da principi e parametri e non legata alla mera disponibilità di strutture . Il 6 e 7 ottobre il primo cittadino ha fatto una protesta tramite un presidio istituito dapprima dinanzi all’Helios, poi a piazzale degli Eroi, con la partecipazione della Giunta, Consiglieri comunali ed alcuni cittadini. Già nel giugno di quest’anno, quando in città forte era il sentore dell’arrivo di 95 immigrati richiedenti protezione internazionale all’istituto di via Mazzarello, il sindaco aveva inviato un documento al Ministero dell’Interno, per richiedere la predisposizione di un Piano per l’accoglienza e la definizione di un parametro globale sull’ospitalità ai migranti in base alla popolazione residente. Il tavolo tecnico rappresenta anche la prima di una serie di iniziative a carattere istituzionale: è in programma anche una conferenza dei capigruppo consiliari per discutere della convocazione di un Consiglio comunale sulla tematica “Accoglienza migranti nella città di San Cataldo: quali forme e quali prospettive?”.

Condividi

Lascia un commento