Intimidazioni, Fernando Asaro procuratore di Gela: “i cittadini si ribellino”

0

“E’ una violenza che colpisce varie categorie professionali e vari settori della societa’ in modo trasversale”. Lo ha detto, a margine della cerimonia di insediamento di quattro nuovi magistrati, svoltasi questa mattina al Palazzo di Giustizia di Gela, il procuratore capo Fernando Asaro a proposito degli attentati incendiari che si sono verificati in citta’, l’ultimo dei quali nei confronti del presidente del consiglio comunale, Alessandra Ascia. “Non abbiamo una pista privilegiata nelle indagini – ha detto – ma una serie di ipotesi che stiamo esaminando per capire e individuare esecutori e mandanti. A Gela – ha sottolineato Asaro – si bruciano le automobili non per chissa’ quale motivo ma per cose banali, futili, come liti condominiali, problemi ereditari, conflitti sentimentali. Tuttavia e’ un fenomeno molto grave che deve far riflettere non solo gli organi investigativi ma l’intera comunita’ sociale e civile affinche’ si ribelli a questa brutalita’, collabori con la giustizia e abbandoni questi comportamenti omertosi. Si tratta comunque di un fenomeno che stiamo monitorando”.
Il prefetto di Caltanissetta, Maria Teresa Cucinotta, intanto, ha convocato il comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza proprio al municipio di Gela. Al termine del vertice e’ stato deciso di intensificare sul territorio la presenza delle forze dell’ordine, soprattutto durante la notte e di potenziare il sistema di videosorveglianza. Esiste a tal proposito un progetto che verra’ sottoposto dal prefetto all’attenzione del governo nazionale affinche’ lo inserisca nel “Pon Sicurezza” e ne acceleri il finanziamento.

Condividi

Lascia un commento