Sicilia, Gela. Di Maio: “Siamo di fronte ad un’accozzaglia di impresentabili”

2

GELA – “Siamo di fronte ad un’accozzaglia di impresentabili. Il Movimento 5 Stelle si candida contro le ammucchiate, contro gente condannata, indagata o che e’ sotto processo”. Lo ha detto il vice presidente della Camera, Luigi Di Maio, stasera a Gela, durante un comizio in piazza Umberto per presentare la candidatura alla presidenza della Regione di Giancarlo Cancelleri.
“Noi ci presentiamo con soli 62 candidati tutti incensurati. Io ci sto mettendo la faccia mentre Renzi con il suo treno non viene neanche in Sicilia perche’ e’ una partita persa gia’ in partenza”. “Se manderete al governo gli altri – ha sottolineato il candidato premier dei pentastellati – vedrete la stessa regione che avete visto negli ultimi 20 anni, gli stessi aguzzini politici che hanno avuto la fiducia dei siciliani negli ultimi 20 anni. Avete poteri speciali, perche’ la Sicilia e’ dotata dello Statuto”.
Cancelleri ha invece annunciato che uno degli assessori della sua squadra, in caso di elezione, sara’ di Gela. A proposito invece dei tagli agli stipendi, ha sottolineato che il M5S si e’ tagliato gli stipendi senza necessariamente ricorrere ad una legge. “Fino ad ora hanno vinto quelli del voto di scambio. Dietro a queste liste ci sono gli arrestati, i condannati, gente che ha gia’ distrutto la Sicilia”.

Condividi

2 Commenti

Lascia un commento