Curiisità. Evadono dopo pranzo con il Papa: caccia a due detenuti

1

Emozione per l’incontro con Papa Francesco o fuga pianificata? Di certo c’è solo che due detenuti sono evasi dopo il pranzo con il Pontefice, il primo ottobre scorso a Bologna. Gli uomini, italiani e già protagonisti di episodi del genere, facevano parte della comitiva di venti persone partita dalla casa di reclusione a custodia attenutata di Castelfranco Emilia, in provincia di Modena, per incontrare Bergoglio. Non è chiaro se a quell’incontro abbiano effettivamente partecipato, ma di sicuro sono riusciti a far perdere le loro tracce e non sono mai rientrati in carcere.

La casa di reclusione è composta da due sezioni: una per detenuti tossicodipendenti e l’altra per soggetti ritenuti socialmente pericolosi, come i fuggitivi. Le autorità hanno avviato degli accertamenti: è stata sentita la Curia di Bologna, che ha organizzato il pranzo a San Petronio, e sono partite le ricerche. Una volta rintracciati, i due fuggitivi dovranno ricominciare a scontare la pena accessoria, ripartendo dall’inizio nel loro percorso di reinserimento.

Condividi

1 COMMENTO

  1. A parte l’ilarità spontanea che suscita il fatto.
    Mi sono venuti in mente episodi che avrebbero deliziato i figli di papa Alessandro VI- Borgia: Lucrezia, Juan, Cesare…e i tanti altri, innumeri, nascosti e meno.
    Dove il “grand-guignol” delle trame papaline e a ridosso si coloravano di incidenti cialtroneschi ma sempre in tema con quell’era.
    Che pare essere ritornata in Italia, isole comprese.

Lascia un commento