Giulio “Rosk” Gebbia e Mirko “Loste” Cavallotto due artisti di strada per un murales d’autore dedicato a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.

1

Giulio “Rosk “ Gebbia e Mirko “Loste” Cavallotto, i due artisti di strada nisseni, serradifalchese il primo e nisseno il secondo, ce l’hanno fatta a realizzare per tempo il murales raffigurante i giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. La pregevole opera d’arte sarà inaugurata oggi alla presenza di autorità in occasione del venticinquesimo anniversario della morte di Paolo Borsellino. Il murales è stato realizzato nella parete dell’Istituto Nautico nel porticciolo della Cala a Palermo ed è stata realizzata grazie al decisivo impulso della sezione palermitana dell’Associazione nazionale magistrati e dell’Inward. Un’opera che è già entrata nel cuore non solo dei palermitani, ma anche di tutti i siciliani e delle persone che sono legate ai valori anti mafia e alle figure di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Per il serradifalchese Giulio “Rosk” Gebbia e per il nisseno Mirco “Loste” Cavallotto una grande soddisfazione, l’ennesima, di una carriera costruita a suon di pennelli e bombolette spray che li ha portati a realizzare murales in ogni parte d’Italia e del mondo diventando tra gli esponenti di punta della Street Art contemporanea. I due autori saranno presenti a Palermo in occasione dell’inaugurazione del loro murales nel contesto di un evento destinato ancora una volta a ricordare uno dei grandi eroi della Sicilia che è riuscita a dire no alla mafia con i fatti e non solo a parole. 

Condividi

1 COMMENTO

  1. Bravi ragazzi !!!!
    La vostra competenza e il vostro stile primeggiava già tra i banchi di scuola…

    In bocca al lupo per tutto.

Comments are closed.