Niscemi, Caltaqua: ultimati i lavori in contrada Mascione

0
Dopo aver completato tutti i passaggi dell’iter per l’affidamento del servizio a ditta esterna come previsto dalla legge, sono iniziati lunedì scorso i lavori di stasamento e pulizia dei tratti più critici del cavo fognario di via Venezia. A seguito di una dettagliata indagine video ispettiva di tutto il cavo fognario effettuata lo scorso anno è stato possibile per la società Caltaqua individuare i tratti in cui intervenire ovvero, quello tra via Butera e via Ara Pacis e quello compreso tra via S. Citelli e via Corinto, ove sono stati riscontrati i maggiori livelli di intasamento del cavo fognario, per la presenza di materiale sedimentato nel corso degli anni, con punte pari o superiori al 50% della sezione utile.

NISCEMI – Un intervento particolarmente complesso, che ha richiesto oltre due settimane di lavoro a causa di una serie di criticità rilevanti – legate anche alle difficoltà logistiche del sito nel quale si è operato – e che ha anche richiesto l’arrivo, da fuori regione, di parti di condotta realizzate ad hoc. Oltre quindici giorni di intensa attività nell’area di contrada Mascione e che adesso è giunta finalmente alla conclusione. Ciò consentirà al Gestore, già a partire da domani, di riprogrammare la distribuzione idrica sul territorio di Niscemi.

Caltaqua – Acque di Caltanissetta SpA, gestore del servizio idrico integrato per il territorio della provincia di Caltanissetta, anche con riferimento a una serie di  rilievi formulati – anche attraverso alcuni articoli – in questi ultimi giorni, ha operato, come è nel proprio stile, con quotidiano impegno, con rigore tecnico e lontano da ogni clamore mediatico. L’allungamento dei tempi dell’intervento, dovuto a criticità non preventivabili all’origine alle quali si è posto tempestivamente rimedio man mano che si sono presentate, ha ovviamente contribuito ad alimentare l’insofferenza dell’utenza. Proprio per lenire tali disagi, Caltaqua ha immediatamente chiesto – e ottenuto – dal fornitore Siciliacque di incrementare la portata dell’acqua immessa in rete. In questo modo è stato possibile non diradare ulteriormente i turni di distribuzione dell’acqua.