Motori. La vendita digitale dell’auto usata: tutti i servizi online

0

Siamo sempre più avvezzi agli acquisti effettuati in modalità digitale e consultare la rete fa parte della nostra quotidianità. Questo permette di accedere ad un flusso di informazioni rilevanti e di pianificare anche spese impensabili fino a poco tempo fa, come quelle inerenti alle automobili. La vendita digitale dell’auto usata, così come l’acquisto, oggi sono possibili, infatti, anche online. Ma come sono articolati i percorsi di vendita e di acquisto del consumatore digitale? Accenture tratteggia il profilo di un automobilista digitalmente evoluto che visita le Concessionarie con una frequenza inferiore rispetto a quanto avveniva in passato perché ha già acquisito la maggior parte delle informazioni attraverso internet. La rete è una fonte inesauribile di indicazioni e offre numerosi servizi su portali ad hoc, diventati la piazza privilegiata per interessanti occasioni di compravendita.

Gli automobilisti non solo cercano informazioni sui brand e sui modelli che intendono acquistare ma accedono, sempre più sovente, ai servizi che ti permettono di vendere l’auto usata. L’utente, oggi, può decidere di effettuare la vendita affidandosi a professionisti con i quali ottiene un guadagno senza rischi e risparmia tempo o può vendere l’auto autonomamente. Nel primo caso un preventivo ottenuto telefonicamente consente di conoscere il valore della propria auto anche nel caso sia da rottamare e, di conseguenza, qual è il budget disponibile per l’acquisto di una nuova vettura. Il punto di forza di questi siti è la velocità con cui rispondono alle richieste di preventivo, la gratuità della valutazione e la capacità di farsi carico delle incombenze amministrative, sollevando da queste il venditore. Cambiano le abitudini di acquisto ma, sicuramente, anche quelle di vendita: l’automobilista che vuole disfarsi della vecchia auto non ha più come riferimento solo la Concessionaria ma specifici canali online deputati allo scopo. Chi desidera occuparsi personalmente della vendita ha a disposizione siti di aste online e numerosi portali di annunci commerciali: il venditore che viene contattato dall’acquirente privato apre così una trattativa che in alcuni casi può nascondere brutte sorprese.

Un tratto che accomuna chi vende e chi compra è l’acquisizione delle informazioni in rete. Accenture rivela che l’automobilista digitalizzato raggiunge la Concessionaria quando ha già acquisito tutte le informazioni online: si tratta di un consumatore maturo ed informato che dal tecnico della Concessionaria cerca quei dettagli non forniti dai canali digitali. Secondo lo studio Accenture in questo nuovo processo di acquisto manca una soddisfacente integrazione tra la ricerca online e l’esperienza nel punto vendita. Negli Stati Uniti, in Cina e in Germania, il voto che i partecipanti hanno dato all’integrazione tra il canale digitale e la Concessionaria è di appena 2,32 su una scala che va da 1 a 4. Molti automobilisti affermano anche di essere pronti ad acquistare online la vettura: i portali consentono, infatti, di paragonare automobili diverse, di effettuare configurazioni, di vedere demo e di ottenere consulenze mirate. Ai punti vendita è offerta la possibilità di rinnovarsi, migliorando l’esperienza di acquisto.

 

Condividi