Tribunale di Caltanissetta – Avviso di vendita immobiliare n. 94/2013 Rge

0

 

L’Avv. Anna Rosa Scalzo con studio in Caltanissetta via Libertà n. 114 ( Tel e fax 0934/554747 PEC annarosascalzo@pec.it )

Vista l’ordinanza del GE dott.ssa R. Vittorini del 7-15/10/2015 con la quale – in virtù della conversione del D.L. 27/6/2015 n. 83 nella L. 6/8/2015 n. 132 – è stata disposta la prosecuzione delle operazioni di vendita nel rispetto delle nuove direttive di cui infra, confermando per il resto l’ ordinanza di delega ai sensi dell’art. 591 bis cpc del 12/11/2014

AVVISA

Che il giorno 17/02/2017 alle ore 11,30 presso il proprio studio legale sito in Caltanissetta via Libertà n.114 procederà alla vendita senza incanto, nello stato di fatto e di diritto ed in particolare urbanistico in cui si trovano, dei seguenti beni immobili :

LOTTO UNICO

APPARTAMENTO adibito ad abitazione ubicato a Caltanissetta in Via Piersanti Matta-rella n. 25/A2, al primo piano di un grosso complesso edilizio costituito da n. 5 fabbricati, con superficie commerciale di mq. 99,00, in catasto al foglio di mappa  n. 171 particella n. 795 sub 29 Ctg catastale A/2, classe 2, consistenza 6,5 vani, rendita €. 469,98 composto da : un ingresso-soggiorno, una cucina con annessa lavanderia e bagno di servizio, due camere da letto e bagno principale .

——–

PREZZO BASE EURO 99.000,00 ( euro novantanovemila/00)

In caso di gara tra più offerenti la misura minima dell’aumento da apportare all’offerta più alta è di €. 5.000,00

OFFERTA MINIMA CONSENTITA PARI AD EURO 74.250,00  ( 75 % del prezzo base)

**********

La descrizione del superiore lotto unico risulta meglio rappresentata nella relazione di stima del  26/05/2014 a firma del C.T.U. Ing. Giuseppe Polizzi  cui si rinvia.

Il fabbricato è corredato di impianto elettrico, idrico e termico con caldaia a gas autonoma .

L’unità immobiliare risulta essere stata realizzata giusta Concessione Edilizia n. 45975 del 20/7/1995 e successiva prima variante n. 00681 del 18/3/1997 e seconda e ultima variante n. 13553 del 17/04/2003.

Il bene immobile adibito ad abitazione nello stato di fatto come distribuzione interna risulta conforme al progetto approvato, ma catastalmente,  sia come distribuzione interna che come destinazione d’uso, risulta essere difforme al progetto approvato . Tale difformità può essere regolarizzata con l’applicazione della Legge Regionale n. 37 del 10/08/1947 art.10 con il pagamento di una sanzione pecuniaria non minore di €. 258,23 e un conguaglio del contributo di costo di costruzione e di oneri di urbanizzazione pari a circa €. 5.800,00 .

Dopo il pagamento delle sanzioni e conguagli suindicati e meglio specificati nella Ctu si potrà attuare la variazione catastale .

L’edificio di cui fa parte l’appartamento messo in vendita è stato edificato tra il 1995 ed il 2003 e ricade in  Zona “ B2.5”  ( Ambiti di Edilizia semintensiva esistente ) in riferimento alla Variante Generale di Revisione del P.R.G. del Comune di Caltanissetta .

L’unità immobiliare è provvista di Attestato di Prestazione Energetica redatto dal ctu incaricato in data 22/5/2014 e attualmente rientra nella classe energetica G .  Gli interventi che andrebbero eseguiti sul fabbricato per il miglioramento della prestazione energetica risultano meglio specificati dal ctu nella sua relazione tecnica depositata in Cancelleria .

Si specifica che pur essendo il bene immobile posto in vendita per l’intero, l’esecuzione immobiliare che ha dato origine alla presente vendita deriva dal pignoramento di una quota di ½ di proprietà indivisa che il debitore esecutato possiede in comunione legale con la sua coniuge che al momento della ripartizione del ricavato avrà diritto pertanto alla liquidazione della sua quota .

Si precisa che, le nullità previste dall’art. 46 comma 1 del T.U. 6/6/2001 n. 380 e dall’art. 40 della L. 28/2/1985 n. 47 e successive modificazioni, ovvero l’insufficienza di tali notizie tali da determinare le nullità non si applicano agli atti di trasferimento derivanti da procedure esecutive immobiliari ai sensi del comma 5 del medesimo articolo 46, con espresso avviso che, l’aggiudicatario potrà, ricorrendone i presupposti, avvalersi delle disposizioni di cui al suddetto 5 comma dell’articolo 46 e del comma 6 dell’art. 40 della citata L. 47/85 e completare l’iter per la regolarizzazione urbanistico – edilizia dell’immobile pagando i  relativi costi ed oneri .

L’offerente potrà presentare offerta di acquisto in busta chiusa ed in regola con il bollo dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle ore 12.00 e dalle ore 17.00 alle ore 19.00, preferibilmente previo appuntamento telefonico, presso lo studio del Professionista Delegato alle operazioni di vendita immobiliare sito in Caltanissetta via Libertà n. 114 sino alle ore 12,00 del  16/02/2017 ( giorno precedente quello fissato per la vendita).

Le offerte di acquisto saranno esaminate il giorno 17/02/2017 alle ore 11,30 presso lo studio dell’avv. Anna Rosa Scalzo .

Sull’esterno della busta, a cura del Professionista Delegato all’atto della consegna, saranno indicati: il nome ( previa identificazione)  di chi materialmente provvede al deposito, il nome dello stesso Professionista Delegato ricevente, la data fissata per l’esame delle offerte, la data e l’ora di ricezione dell’offerta .

L’offerta dovrà inoltre contenere:

  1. per le persone fisiche nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza o domicilio eletto presso il comune in cui ha sede l’intestato Tribunale (sotto comminatoria, in mancanza, che le comunicazioni che lo riguardano saranno effettuate presso la cancelleria), stato civile e recapito telefonico; se l’offerente è coniugato dovrà presentare auto-dichiarazione in ordine al regime patrimoniale adottato e, in caso di comunione i dati anagrafici del coniuge; se l’offerente è minorenne l’offerta dovrà essere sottoscritta dai genitori esercenti la potestà, previa autorizzazione del Giudice Tutelare da inserire nella busta; se l’offerente è una persona giuridica dovrà essere allegato idoneo certificato del Registro delle Imprese non anteriore a tre mesi contenente l’indicazione del legale rappresentante ed i poteri ad esso conferiti ;
  2. i dati identificativi del lotto per il quale l’offerta è proposta ;
  3. l’indicazione del prezzo offerto, che potrà essere pari al prezzo base d’asta o inferiore al prezzo base ma fino ad ¼ di esso, a pena di inefficacia dell’offerta;
  4. l’indicazione del termine massimo per il versamento del saldo prezzo e degli oneri accessori che non potrà essere superiore a 120 giorni dalla data dell’aggiudicazione (in mancanza di indicazione del termine, il saldo prezzo dovrà avvenire entro 60 gg.) ;
  5. l’espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima .
  6. eventuale richiesta di rateizzazione del versamento del saldo prezzo ( solo in presenza di giustificati motivi )

All’offerta dovranno essere allegati – inseriti anch’essi in busta chiusa – una fotocopia del documento di identità dell’offerente, nonché a pena di inefficacia dell’offerta, assegno circolare non trasferibile intestato al Professionista Delegato per un importo pari al 10 % del prezzo offerto, a titolo di cauzione, che sarà trattenuta in caso di rifiuto dell’acquisto . Salvo quanto previsto dall’art. 571 cpc l’offerta presentata è irrevocabile, pertanto si procederà ad aggiudicazione al migliore offerente anche in caso di mancata sua presentazione alla data fissata per la vendita .

Le  buste saranno aperte, alla presenza dei soli offerenti, nel giorno e nell’ora indicati nel presente avviso di vendita .

In presenza di una sola offerta valida per un importo pari o superiore al prezzo base, la stessa verrà senz’altro accolta .

In presenza di una sola offerta valida per un importo non inferiore al 75% del prezzo base, la stessa potrà essere accolta tranne che il creditore non abbia offerto il prezzo base chiedendo l’assegnazione del bene e il GE non ritenga di disporre una nuova vendita .

In presenza di più offerte valide si procederà a gara sulla base dell’offerta più alta ( art. 573 cpc ) : ciascuna offerta in aumento da effettuarsi nel termine di tre minuti dall’offerta prece- dente, non potrà essere inferiore alla misura minima come sopra determinata; il bene verrà aggiudicato a chi avrà effettuato il rilancio più alto .

Nell’ipotesi di mancata adesione alla gara da parte degli offerenti o di assenza degli stessi verrà disposta l’aggiudicazione a favore del migliore offerente; in presenza di più offerte uguali a chi ha fatto l’offerta per primo. Per l’individuazione della migliore offerta si terrà conto dell’entità del prezzo, della cauzione prestata, delle forme e dei tempi di pagamento e di ogni altro elemento utile indicato nell’offerta .

L’offerente ha diritto all’aggiudicazione se l’offerta è pari almeno al prezzo base salvo che, il prezzo offerto sia inferiore al prezzo base indicato nell’avviso di vendita ed un creditore abbia offerto il pagamento del prezzo base con apposita e regolare domanda di assegnazione dell’immobile .

In caso di aggiudicazione l’offerente è tenuto al versamento del saldo prezzo e degli oneri accessori ( che gli verranno quantificati dal Professionista Delegato) nel termine da lui indicato nell’offerta, ovvero in mancanza, non oltre 60 giorni dall’aggiudicazione .

Il mancato pagamento del saldo prezzo determinerà la revoca dell’aggiudicazione e l’aggiudicatario perderà le somme versate a titolo di cauzione.

Il GE in presenza di giustificati motivi e su istanza dell’aggiudicatario potrà disporre che il versamento del saldo prezzo avvenga ratealmente entro un termine non superiore ai 12 mesi .

Ai sensi dell’art. 571 comma 1 cpc, ognuno, tranne il debitore, è ammesso a offrire per l’acquisto dell’immobile pignorato, personalmente o a mezzo di procuratore legale, anche a norma dell’art. 579, ultimo comma cpc .

La validità ed efficacia dell’offerta è regolata dal codice di procedura civile, in particolare l’offerta non è efficace :

  • se perviene oltre il termine di presentazione ( sopra specificato : 16/02/2017 ore 12,00)
  • se è inferiore di oltre un quarto al prezzo base ( sopra indicato )
  • se l’offerente non presta cauzione ( con le modalità sopra stabilite ) o se la offre in misura inferiore al decimo del prezzo offerto .

Tutte le attività, che a norma degli artt. 571 e ss. Cpc devono essere compiute in Cancelleria o dal Giudice dell’Esecuzione saranno eseguite dal Professionista Delegato presso il suo studio sito in via Libertà n. 114 anche le istanze di assegnazione ex artt. 588 e 589 cpc dovranno essere presentate direttamente, nei termini di  legge, presso lo studio del Delegato .

Gli interessati hanno facoltà di visionare l’immobile prima della vendita contattando il Custode nominato, Avv. Anna Rosa Scalzo con studio in Caltanissetta Via Libertà n. 114 (  tel. – fax. 0934/554747- cel . 3478562803 )

L’aggiudicatario potrà versare il prezzo tramite mutuo ipotecario con garanzia sul medesimo immobile oggetto della vendita .

Qualora l’immobile sia gravato da ipoteca iscritta a garanzia di mutuo concesso ai sensi del T.U. 16 luglio 1905 n. 646, richiamato dal D.P.R. 21/01/1976 n. 7 ovvero ai sensi dell’art.38 del D. L. vo 10/9/1993 n. 385 ( mutuo fondiario ), l’aggiudicatario dovrà versare direttamente all’Istituto mutuante, nel termine per il versamento del saldo prezzo, la parte del prezzo corrispondente al credito dell’Istituto per capitale, interessi, accessori e spese della procedura nei limiti di quanto previsto dall’art. 2855 c.c., così come individuato dal Professionista delegato. L’aggiudicatario dovrà consegnare al Delegato la quietanza rilasciata dall’ Istituto di credito ovvero documento equipollente .

L’immobile viene venduto libero da iscrizioni ipotecarie e da trascrizioni di pignoramenti ; se esistenti al momento della vendita, eventuali iscrizioni e trascrizioni saranno cancellate a spese e cura della procedura .

Il Custode procederà alla liberazione dell’immobile che risulta allo stato occupato dal debitore e dalla sua famiglia  – tranne che l’aggiudicatario non lo esenti – con spese a carico della procedura .

L’aggiudicatario è tenuto al pagamento di tutti gli oneri fiscali e tributari conseguenti l’acquisto compresi gli oneri accessori all’emanazione del decreto di trasferimento (collegati alle operazioni di registrazione, trascrizione e voltura ) .

La vendita avviene nello stato di fatto e di diritto, in particolare urbanistico, in cui i beni si trovano con le eventuali servitù attive e passive. La vendita è a corpo e non a misura. Eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo . La vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere, per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione del bene .

Ulteriori informazioni e documentazione quale il presente avviso di vendita, l’ordinanza di delega delle operazioni di vendita dei 12/11/2014, l’ordinanza integrativa del 7-8/10/2015 e la perizia d’ufficio potranno essere acquisite in Cancelleria EE. II. o presso lo studio del Delegato previo appuntamento telefonico ( ai seguenti recapiti 0934/554747 e 347/8562803 ) oppure sul sito internet www.astegiudiziarie.it .

Caltanissetta, lì,  28/10/2016

Il Professionista Delegato

Avv. Anna Rosa Scalzo

Condividi