Agroalimentare: Coldiretti, con boom frullati +4% consumo frutta 

0

Vegetable juice, tomato, carrot, cucumber and beetrootROMA – Rivoluzione sulle tavole degli italiani dove l’affermarsi di smoothies, frullati e centrifugati consumati al bar, in spiaggia o anche a casa spinge gli acquisti di frutta e verdura che fanno registrare un aumento del 4% nel 2016, in netta controtendenza rispetto all’andamento stagnante dei consumi. Emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati Gfk relativi agli acquisti delle famiglie nel primo bimestre dell’anno, diffusa in occasione del weekend dedicato in tutta Italia nei mercati degli agricoltori di Campagna Amica alle proprieta’ delle verdure made in Italy che fanno bene alla salute e all’aspetto con un potere abbronzante particolarmente apprezzato all’inizio della bella stagione.
“Con gli stili di vita piu’ salutistici si affermano anche – sottolinea Coldiretti – nuove modalita’ di consumo favorite anche dalla disponibilita’ di tecnologie casalinghe low cost, dalle centrifughe agli essiccatori che aiutano a far apprezzare cibi salutari anche ai piu’ piccoli. Una tendenza che pero’ cambia anche i criteri di scelta delle materie prime utilizzate: secondo lo studio del Crea, “Alimenti e Nutrizione”, il 64% dei consumatori ritiene che la freschezza sia l’elemento principale nell’acquisto delle verdure, seguito dalla stagionalita’ (51,4%) e dal prezzo conveniente (31,7%). In particolare – precisa Coldiretti – l’aspetto e il profumo sono i fattori che indicano maggiormente al consumatore la freschezza dei prodotti ortofrutticoli ma grande rilievo viene dato anche al luogo di acquisto come il mercato o direttamente dal produttore. Non e’ un caso – continua la Coldiretti – che la verdura comperata direttamente dal contadino dura fino ad una settimana in piu’ non dovendo affrontare lunghe distanze per il trasporto prima di arrivare nel punto di vendita.

Da Milano a Roma fino a Lecce, sono tante le iniziative messe in campo nei mercati degli agricoltori durante il weekend per far conoscere i primati del Made in Italy, dai bouquet di carote al succo di carciofo di Montelupone, dal “patatonic” cocktail a base di patata alla rivisitazione verde dell’amatriciana fino alla “tata delle insalate” a Milano che illustra ai consumatori come si sceglie la verdura, come la si conserva a casa, come la si pulisce riducendo gli sprechi e come la si puo’ preparare sia cruda che cotta, oltre a informazioni sulle proprieta’ nutritive e salutistiche. Ma la frutta e verdura non fanno solo bene alla salute e difendono l’organismo dal caldo: carote, albicocche, meloni, ciliegie sono solo alcuni dei cibi che entrano secondo Coldiretti anche nella classifica degli abbronzanti naturali in grado di “catturare” i raggi del sole e garantire una tintarella naturale. Anche chi e’ ancora costretto a rimanere in citta’ infatti puo’ difendersi dal caldo e prepararsi la tintarella estiva con una dieta adeguata che si fonda sul consumo di cibi ricchi in vitamina A che – precisa la Coldiretti – favorisce la produzione nell’epidermide del pigmento melanina per donare il classico colore ambrato alla pelle. Il primo posto nella speciale top ten e’ conquistato indiscutibilmente dalle carote che contengono ben 1.200 microgrammi di vitamina A o quantita’ equivalenti di caroteni per 100 grammi di parte edibile. Al secondo posto – continua Coldiretti – salgono i radicchi che ne hanno circa la meta’ mentre al terzo si posizionano le albicocche seguite da cicoria, lattuga, melone e sedano, peperoni, pomodori e ciliegie che presentano comunque contenuti elevati di vitamina A o caroteni. Antiossidanti “naturali” sono infatti le vitamine A, C ed E che – continua la Coldiretti – sono contenute in abbondanza in frutta e verdura fresca.

Condividi