Caltanissetta, mostra temporanea di macchine fotografiche al museo archeologico regionale: dal 13 dicembre al 31 gennaio 2015

0

CALTANISSETTA – In data 5 dicembre 2014 alle ore 10,30 nei locali del Museo Archeologico Regionale di Caltanissetta il direttore del Museo Giovanni Crisostomo Nucera, il collezionista Vincenzo Marcè e il Wikipediano Salvatore Irullo presenteranno alla stampa il programma della mostra: IL MUSEO NEL MUSEO, mostra temporanea di storiche macchine fotografiche dal 1850 al 1960.
L’idea di realizzare un museo delle macchine fotografiche antiche denominato “Collezione Marcè o Museo MAR .CO”, nasce dall’idea di valorizzare una raccolta privata di macchine fotografiche che vanno dal 1850 al 1960. Raccolta di proprietà del collezionista nisseno Vincenzo Marcè che vanta circa 1.000 pezzi, per la gran parte macchine fotografiche, delle quali alcune molto rare ed uniche.
Al fine di sollecitare la creazione in città di un museo definitivo di macchine fotografiche, viene programmata una mostra temporanea di alcuni dei pezzi storicamente più importanti della collezione Marcè. Ciò è potuto avvenire grazie alla collaborazione del Direttore del Museo Archeologico Regionale di Caltanissetta, arch. Giovanni Crisostomo Nucera che dimostrando grande sensibilità e lungimiranza, ha messo a disposizione gli ampi e moderni locali del piano inferiore del Museo. Egli ha reso così possibile la mostra temporanea che inizia giorno 13 dicembre e si protrate fino al 31 gennaio 2015. Il giorno dell’inaugurazione alle ore 17,30 sarà, inoltre, presentato in evento culturale, dal titolo “Un Museo nel Museo: mostra temporanea di storiche macchine fotografiche dal 1850 al 1960”, cui parteciperanno eminenti personaggi della cultura etnoantropologica e fotografica siciliana. Evento nel quale saranno anche mostrate le oltre 100 macchine fotografiche d’epoca e 10 poster fotografici su temi nisseni.
Saranno presenti e mostrati in anteprima due ”storie” inedite e di grande impatto mediatico:
1. Fotografia notturna di un oggetto misterioso che sovrasta la Cattedrale di Caltanissetta la notte del 16 XII 2011. L’oggetto misterioso simile ad una luna non è inquadrabile come fenomero di abberrazione ottica e non è la luna.
2. Verrà, inoltre, mostrata in anteprima mondiale una fotocamera Leica II del 1932, probabilmente gemella di una battuta ad un asta internazionale per una cifra $620,000.
Scopo del progetto: sensibilizzare le autorità comunali e le istituzioni tutte, sulla necessità di creare il Museo delle macchine fotografiche di Caltanissetta Collezione Marcè o Museo MAR . CO., mostrandone così il potenziale attrattivo di un siffatto museo; far conoscere alla cittadinanza nissena, ed in generale ad un pubblico più ampio, l’esistenza di una collezione tanto importante da rendere improcastinabile la realizzazione di un museo dedicato alla storia delle macchine fotografiche, il Museo MAR . CO., quale futuro polo turistico estremamente
attrattivo; creare un modello di fruizione museale attraverso i “potenti” strumenti offerti da Wikipedia, approfittando della collaborazione a titolo gratuito di un Wikipedian in residence, che ha provveduto a realizzare le pagine di Wikipedia delle macchine fotografiche presentate,
mostrandone anche le foto delle stesse nel “mondo” Wikipedia. Questo esperimento comunicativo e culturale renderà evidente, come pochi altri musei al mondo hanno fatto, il potenziale culturale e divulgativo della collaborazione di un museo con il “mondo” di Wikipedia.ii
Nella conferenza verranno illustrate: la storia della collezione Marcè, che con i suoi pezzi attraversa tutta la storia della fotografia
analogica; la sinergia mediatica tra fotografia e archeologia, realizzata nei fatti dal Direttore del Museo Archeologico di Caltanissetta: arch. Giovanni Crisostomo Nucera; la novità offerta della presenza “strategica” di Wikipedia nella mostra e nel museo, sulla scorta di esperienze simili fatte all’estero; prima tra tutte quella pilota del British Musem di Londra del
2010
Verrà mostrata la collezione esposta, con l’utilizzo di specifici QRcode che veicolano le informazioni di ogni pezzo esposto nella rispettiva pagina di Wikipedia ad esso dedicata. Ciò è reso possibile dagli smartfone che secondo dati Nielsen sono posseduti in Italia dal 62% della popolazione.iv
Nella conferenza, inoltre, verranno presentati i relatori e gli argomenti delle relazioni che saranno presentate il 13 dicembre giorno della inaugurazione della mostra. Le relazioni saranno del Prof. Ignazio Buttitta e del Fotografo Melo Minnella, insieme a quelle di saluto ed introduzione del Direttore del Museo Archeologico arch. Giovanni Crisostomo Nucera, del Sig Marcè e del Wikipediano in residence S. Irullo.v
La mostra sarà inaugurata da Don Pino La Placa Vicario del Vescovo di Caltanissetta, sua Eccellenza Mario Russotto.
Per ulteriori approfondimenti si può consultare la pagina del Progetto Museo presente su Wikipedia: come sotto progetto del più ampio Progetto: Nissapedia.vi
Il Museo Archeologico Regionale di Caltanissetta è in Via di S. Spirito, vicino l’omonima Abazia.