Attualità

Un centesimo che vale 2.500 euro!

ROMA – Prendi il portafogli e controlla bene i tuoi centesimi. Se sul retro c’è la Mole Antonelliana invece del Castel del Monte hai “vinto” 2500 euro. Un errore di conio che rende il centesimo preziosissimo nel mercato del collezionismo. Monetine rarissime giunte nelle mani della casa d’aste e collezionismo Bolaffi. Nonostante la zecca abbia ordinato il ritiro delle monetine “sbagliate” nel 2002, in circolo ve ne sarebbero circa un centinaio. Per un tesoro di oltre 250mila euro nascosto in insospettabili bussolotti.

La storia del centesimo inizia 11 anni, quando dalla zecca uscì un centesimo con un errore: sul retro era raffigurata la Mole antonelliana, immagine destinata alla moneta da 2 centesimi, invece che il Castel del Monte pugliese. La moneta fu subito ritirata, ma diversi esemplari rimasero in circolazione.

A riportare alla ribalta la notizia del centesimo “d’oro” la Bolaffi, azienda torinese che si occupa di collezionismo ed aste fin dal 1890. La casa d’aste ha dichiarato di essere venuta in possesso di 6 monetine e che la base d’asta per ognuna partirà da 2500 euro.

Ma la Bolaffi ha anche dichiarato che di preziosi centesimi in giro ce ne potrebbero essere ancora un centinaio. Pare infatti che le monetine “sbagliate” siano state vendute nei mini-kit distribuiti da banche e uffici postali nel periodo propedeutico all’introduzione dell’euro nel 2002.

Per chi si ritrovasse il centesimo “antonelliano” nelle tasche o nel portafogli sarebbe insomma una grande fortuna. La caccia alla monetina d’oro può ora avere inizio. (Fonte www.ilblitzquotidiano.it)

Redazione | 15 febbraio 2013   

I commenti sono chiusi.