Regione. Gelo tra Crocetta e PD, “Difficile collaborare”

4

PALERMO  – “Il mio rapporto con il Pd? Non so cosa pensino davvero, visto che non vengo mai invitato alle riunioni del gruppo all’Ars. Loro decidono, vengono da me e mi comunicano le loro decisioni. Resto un esponente del Pd, ma non e’ il modo migliore per instaurare un buon rapporto col presidente della Regione”. Lo afferma il governatore della Sicilia Rosario Crocetta, in una intervista a Livesicilia.it, confermando i rapporti tesi nella maggioranza, dopo appena un mese e mezzo dal voto di fine ottobre. Tensioni ieri manifestatisi clamorosamente con la costituzione nei fatti dell’asse tra la Lista Crocetta, il Partito dei siciliani-Mpa e M5S che ha permesso l’elezione alla vicepresidenza dell’Ars di un grillino e la contestuale bocciatura dell’esponente democratico. E il suo movimento “Il Megafono? “Cresce si Organizza e si autoalimenta”, dice entusiasta. Il Pd da giorni chiede un chiarimento a Crocetta, che appare, pero’, complicato.

4 Commenti

  1. Ecco che il Crocetta esce a carte scoperte , la rivoluzione , con il MPA che prima delle elezioni ha contestato aspramente e bravo…don crocetta , per non parlare della strana alleanza affaristica che ha con Confindustria !!!!!…….a casa sig Crocetta non rappresenta i siciliani oltretutto lei ha raccolto solo il 13% dei consensi ….

  2. Non c’è molto da commentare: il brontosauro PD si ingerisce su Crocetta come farebbe un pachiderma.
    Imparerà a sue spese.
    Si scelga da ora collaboratori giovani e onesti. Nel Movimento 5 stelle avrà solo l’imbarazzo delle scelte, congrue e svincolate dalla partitocrazia.
    Auguri, Rosario!
    I siciliani fuori dalla Sicilia ti guardano e ti incoraggiano.
    Filippo Grillo

  3. Azz. mi sa tanto che non ho azzeccato la prvisione ……avevo pronosticato che a febbraio finiva il mandato di Crocetta…..pensoche finisca prima 🙂

Comments are closed.