Ambiente, Cronaca

Rifiuti. Arriva il commissario straordinario alla provincia e approva la costituzione delle S.R.R.

Print Friendly Version of this pageStampa Get a PDF version of this webpagePDF

CALTANISSETTA –  E’ stato il commissario straordinario nominato dalla Regione e inviato alla Provincia Regionale di Caltanissetta ad approvare, al posto del Consiglio provinciale che non vi aveva ottemperato, la costituzione delle nuove Società per la regolamentazione del servizio di gestione rifiuti (S.R.R.) sul territorio. Si tratta del dott. Carmelo Messina, nominato con decreto dell’Assessorato regionale dell’Energia e dei Servizi di Pubblica Utilità.
La nomina del funzionario è stata, come detto, consequenziale alla mancata approvazione, da parte del Consiglio provinciale, del deliberato con cui doveva essere appunto esitata la costituzione delle nuove strutture consortili (ne sono state previste due nel territorio per le aree Nord e Sud), con contestuale approvazione di statuto e atto costitutivo. Tale argomento, ricordiamo, dopo essere stato più volte differito dall’assemblea consiliare, è stato affrontato in una sessione urgente convocata per il 16 agosto scorso conclusasi però con esito negativo, in quanto a maggioranza è stata respinta la costituzione dei nuovi Ambiti territoriali così come disciplinati dalla legge regionale n. 9/2010 e successive modifiche ed integrazioni: un pronunciamento negativo, questo, analogo a quello di vari Comuni del territorio, compreso il capoluogo, dal momento che i relativi Consigli si sono anch’essi espressi contro la costituzione delle società, ritenendole praticamente “imposte” dalla Regione, così come gli schemi di statuto e atto costitutivo che dovevano essere recepiti senza possibilità di emendamenti.
Il commissario Messina, dopo aver notificato la sua nomina all’attuale commissario straordinario dell’ente Damiano Li Vecchi, al presidente del Consiglio provinciale Michele Mancuso e al segretario generale Antonella Liotta, è stato ricevuto da quest’ultima per il disbrigo degli adempimenti connessi alla sua nomina, nel cui decreto viene ricordato come la costituzione delle S.R.R. negli ambiti territoriali di riferimento, al posto dei precedenti Ato, è stata prevista “al fine di garantire che la transizione verso il nuovo modello di gestione del ciclo integrato dei rifiuti avvenga in Sicilia senza alcuna soluzione di continuità, anche per prevenire i rischi di una crisi socio economico ambientale che certamente scaturirebbe dalla interruzione del servizio”.
Il funzionario ha così approvato, sostituendosi al Consiglio, le due deliberazioni con cui vengono costituite, assieme agli altri enti territoriali ricompresi, le società consortili per azioni “Ato n. 3 Caltanissetta Provincia Nord” e “Ato n. 4 Caltanissetta Provincia Sud”, approvando i relativi schemi di atto costitutivo e statuto, e autorizzando il legale rappresentante dell’ente alla stipula degli atti costitutivi e alla sottoscrizione delle quote sociali dell’ente.
La quota di capitale spettante alla Provincia è di 6.000 euro per ciascun Ato, a fronte del capitale sociale determinato per ciascuna società in 120 mila euro, di cui il 95% riservato ai Comuni con quote calcolate sulla base della relativa popolazione. La durata delle nuove società consortili è fissata al 31 dicembre 2030.

Redazione | 30 agosto 2012   
Print Friendly Version of this pageStampa Get a PDF version of this webpagePDF

3 commenti

  1. Smirgnaff scrive:

    continiamo a fare mangiare soldi con queste pseudocommissioni..è proprio vero questa è una città dove da una parte ci sono migliaia di disperati senzalavoro e dall’altra i soliti aderenti alla casta che continuano a rimpinzarsi!!

  2. marcello butera scrive:

    qualche altro amico dell’amico dell’amico …la storia infinita!
    ma quando finiranno davvero i soldi e nessuno ci farà piu credito come finirà ?

  3. Andrea nuccio scrive:

    Il magna magna continua!!!
    Alla faccia della crisi!!